SOCIAL MARKET

Entro fine anno aprirà ufficialmente, a Termini Imerese, un locale denominato SOCIAL MARKET, da TRE anni funziona con la modalità ” DE VISU” e sta riscuotendo un grande successo pur non avendo un locale adeguato,
In cambio di ore di prestazioni occasionali e saltuarie accumulati da chi collabora con questa iniziativa, vengono dati prodotti degli orti e giardini coltivati dai soci della BANCA DEL TEMPO HIMERENSE e abbigliamenti forniti sempre dai soci, con scambi per prestazioni e da negozi convenzionati.
Tutti gli aderenti al progetto, diventando soci della Banca del tempo Himerense vengono forniti di tessera dell’associazione con dati personali e foto da portare sempre nelle ore di prestazioni volontarie e occasionali.
Gli sconti per la spesa alimentare, in tempo di crisi, rappresentano un’opportunità da non sottovalutare.
E’ in questo senso che si inserisce il progetto del social market, la cui realizzazione ufficiale è prevista a Termini Imerese entro la fine del 2016.
L’idea è portata avanti dal coordinatore e presidente della Banca del Tempo Himerense, Liborio Galbo, sulla base di modelli di questo genere, che sono stati già attivati in altre città, come, ad esempio, Bolzano con Passamano, Modena con Portobello, Milano, Lecce e altri comuni che si stanno adoperando in questa direzione.
L’intenzione che sta a fondamento dell’iniziativa è molto semplice, ma allo stesso tempo efficace: sconti sulla spesa in cambio di prestazioni volontarie.
Chi si trova in condizioni di necessità avrà la possibilità di dedicare qualche ora del proprio tempo libero alle persone che hanno bisogno di un aiuto.
In cambio si potrà accedere al social market, per comprare alimenti ad un prezzo inferiore a quelli tradizionali.
La volontà è quella di arrivare alla vendita di prodotti che non superino il 10% del loro valore.
Non si tratta soltanto di un rimedio all’incremento dei prezzi, che causa difficoltà agli acquirenti. Il progetto è molto più ampio, perché intende stimolare a mettersi in gioco nell’essere d’aiuto a chi ne ha bisogno. La banca del tempo comporta proprio questo: avere un punto di riferimento su cui contare in termini di disposizione condotta con generosità e con aiuto reciproco.
A pensarci bene, ci si accorge che quello del tempo nella nostra società è diventato un valore di estrema importanza.
Di fronte ai mille impegni della vita quotidiana, diventa complicato riuscire a trovare del tempo da dedicare a se stessi e agli altri.
Il tempo è diventato qualcosa di prezioso, che, a livello collettivo, assume un valore incredibile.
La comunità avrebbe bisogno del tempo dei singoli, per aiutarsi, per ritrovarsi, per scambiarsi idee e trovare momenti d’intesa
. Solo in questo modo si può avviare un processo di costruzione dell’identità collettiva, che possa beneficiare di basi solide.
D’altronde questo rappresenta il punto di partenza, per cercare risorse interne da utilizzare nei processi di crescita, di sviluppo sia economico che sociale.
Se non altro almeno per fare tentativi a questo riguardo.
Il social market a Termini Imerese costituisce soltanto il punto d’arrivo di una linea d’azione capace di allargarsi verso direzioni differenti, di certo proficue nei meccanismi che saranno attivati.
Dal 2016 si è formato il coordinamento delle associazioni Termitane composto dalle prime 10 associazioni fondatrici e altre se ne aggiungeranno e tutti collaborano con questo nobile progetto di alto impatto sociale.
L’amministrazione comunale di Termini Imerese, di recente, si è impegnata a dare un valido supporto a questo progetto fornendo un ampio locale in comodato di uso gratuito per poter aprire il SOCIAL MARKET e fare tante altre attività con le associazioni facenti parte del coordinamento tra le quali la mensa sociale per famiglie disagiate iniziata da quasi 3 anni da un progetto dell’ I.PU.M.M., IDEATO DAL GRUPPO scout di Termini Imerese, dove noi della banca del tempo himerense collaboriamo sin dalla presentazione dell’idea progettuale e dalla prima mensa fatta.
Proprio oggi Domenica 12 giugno 2016 si è fatta la mensa.

Chi lo desidera può contribuire con delle donazioni di quello che non serve più nelle proprie case o con donazioni economiche a supporto di tutte le nostre iniziative.

Per maggiori informazioni potete scrivere una e-mail a : [email protected]

o

telefonare al coordinatore Liborio Galbo
al numero di cellulare: 3471871932

Tags: , ,

i commenti sono CHIUSI.